Dove ti vorresti allenare col tuo Personal Trainer

La corsa è importante!

La corsa è importante!

Torniamo indietro nel tempo: nell’antichità correre voleva dire sopravvivere, serviva a catturare gli animali di cui ci cibavamo ma anche a sfuggire agli animali che si cibavano di noi. Insomma, la corsa ce l’hai scritta nel tuo patrimonio genetico, e non è il caso se è la regina degli sport. Poi, nel secolo scorso, la corsa è diventata una specie di elisir di lunga vita per una popolazione sempre più sedentaria, sfiatata e sovrappeso.

La corsa è considerata uno sport alla portata di tutti se fatto con buon senso, senza esagerare e , meglio , dopo una visita medica che possa rassicurare sulla propria idoneità alla pratica.

BENEFICI DELLA CORSA:

Apparato Respiratorio:  migliora il ciclo respiratorio dal punto di vista meccanico e funzionale, aumentando la resistenza allo sforzo. Migliora conseguentemente la distribuzione ai tessuti dell’ossigeno. Contribuisce a diminuire il senso di affanno quotidiano.

Apparato cardiovascolare:  secondo alcuni studi, correndo pressione alta e colesterolo si riducono di oltre il 4%. Diminuiscono trigliceridi e glicemia, e si abbassa il rischio vascolare e di diabete. Arterie e capillari diventano più elastici favorendo il passaggio dei globuli rossi carichi di ossigeno ai tessuti.

Apparato muscolo-scheletrico:  i muscoli si tonificano diventando ipertrofici, garantendo un miglior trasferimento di forza a tendini e articolazioni. Diventano anche più elastici, diminuendo il rischio di contratture e lesioni. Discreto sviluppo anche ai muscoli delle braccia, delle spalle e degli addominali. Grazie ai continui impatti con il terreno migliora l’attività delle cellule preposte alla formazione di tessuto osseo: ne aumenta così la densità e si riducono i rischi di osteoporosi.

Apparato nervoso:  contribuisce ad allontanare e allentare lo stress. Tende ad aumentare le difese immunitarie sia nel breve che nel lungo periodo. Può aumentare la capacità di concentrazione. Migliora la coordinazione intramuscolare e neuromotoria creando una migliore sinergia tra i vari gruppi muscolari attraverso un perfezionamento del controllo del sistema nervoso.

 

GLI SVANTAGGI DELLA CORSA:

La corsa non si può definire uno sport completo poiché tende a non mantenere sufficientemente allenata la parte superiore del corpo rispetto a quella inferiore;

Certamente si tratta di uno sport traumatico, poiché può contribuire a usurare in modo progressivo e irreversibile le articolazioni;

Il sovrappeso, associato a problemi articolari può risultare elemento negativo per la sua pratica;

Percorsi irregolari possono accentuare i problemi non soltanto ai piedi ma anche alle articolazioni superiori, dalle caviglie alla colonna;

Un grande aiuto per prevenire questi rischi viene principalmente dalla scelta di una calzatura adatta che, oltre alla qualità strutturale possa consentire l’utilizzo, in caso di necessità e su indicazione del medico, di un plantare eseguito con le correzioni opportune gli eventuali difetti di appoggio del piede.

IL  NOSTRO PARERE

La prima cosa da fare se ti avvicini a qualsiasi attività sportiva, è un’accurata visita di idoneità in un centro medico sportivo, che determini il tuo stato fisico. Per quanto riguarda uno sport aerobico come la corsa è necessario sottoporsi a un elettrocardiogramma sia a riposo che sotto sforzo, in modo da scongiurare qualsiasi tipo di patologia cardiaca. Non dimenticare che la corsa può diventare uno sport traumatico se esageri. A ogni passo corrisponde un impatto con il terreno che mette a dura prova oltre ai tendini e le articolazioni anche muscoli e ossa. All’inizio puoi partire con 2/3 volte a settimana, sempre iniziando con almeno 5 minuti di camminata per favorire l’attivazione globale prima di partire con la corsa vera e propria.

L’abbigliamento deve essere senza cuciture, oppure con cuciture nastrate o al laser, per evitare che producano dolorose abrasioni sulle lunghe distanze.

Scegli scarpe di qualità concepite espressamente per il running, che si adattino al tuo tipo di appoggio plantare, con una suola ammortizzante adeguata al tuo peso corporeo. Comprale assieme al tuo trainer…

Usa il cardiofrequenzimetro. Grazie ad esso puoi monitorare la frequenza cardiaca attraverso un rilevatore a fascia posto sul torace all’altezza del cuore, e che invia al tuo orologio/computer i dati rilevati. Ti avvisa quando il tuo cuore lavora troppo intensamente.

Bene, a questo punto non devi far altro che iniziare…

A presto,

Personal Training Home

Condividi
Scritto da Stefano / 43 Views

Nessun Commento

Commenta l'articolo

""